lunedì 4 aprile 2016 redazione@anagni24.it

Operazione Gold Brick: frode fiscale da 12 milioni di euro scoperta dalla GDF di Fiuggi

La Tenenza di Fiuggi della Guardia di Finanza ha scoperto una clamorosa frode fiscale per oltre 12 milioni di euro nel settore immobiliare. La società finita nel mirino dei finanzieri della città termale. ha individuato una società di Filettino (FR), che svolge attività nel settore delle compravendite immobiliari, che, secondo le accuse ha omesso di presentare dichiarazioni fiscali dal 2010 al 2013, frodando l’Erario per la enorme cifra di oltre 12 milioni di euro. Dopo questa scoperta, quattro persone sono state denunciate per reati tributari.

L’operazione di servizio condotta dalle Fiamme Gialle della città termale ha così consentito di smascherare il sistema di frode posto in essere dalla società immobiliare di Filettino che consisteva nell’acquisto, da una società capitolina, di diversi immobili di prestigio, situati nel centro di Roma e nella successiva rivendita, a prezzi raddoppiati, ad un’impresa milanese, con conseguente generazione di una plusvalenza non dichiarata al Fisco per oltre 11 milioni di euro e di un’evasione in materia di imposta sul valore aggiunto per oltre 1 milione di euro.

I responsabili della società, successivamente a tali operazioni di compravendita, al fine di sottrarsi ad eventuali responsabilità di natura amministrativa e penale, dopo aver spogliato la stessa di tutti i beni mobili ed immobili posseduti, così da renderla una scatola vuota, hanno ceduto le quote societarie, dietro compenso, ad un “prestanome” di origini romane, privo di qualsiasi capacità imprenditoriale.

Inoltre, al fine di ostacolare le operazioni di verifica fiscale ed impedire la ricostruzione dei fatti di gestione, i responsabili della società hanno occultato tutta la documentazione amministrativo -contabile dell’impresa.

Gli accertamenti effettuati dai finanzieri fiuggini, tuttavia, anche attraverso lo strumento delle indagini bancarie, hanno consentito di ricostruire i fatti e di accertare la responsabilità penale nei confronti di quattro persone – tutte domiciliate a Roma -, denunciate alla Procura della Repubblica di Roma, ove la società era precedentemente domiciliata, per i delitti di omessa presentazione delle dichiarazioni fiscali, sottrazione fraudolento al pagamento delle imposte e occultamento delle scritture contabili.

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA