martedì 27 settembre 2016 redazione@anagni24.it

Due notti di controlli serrati del territorio da parte dei Carabinieri di Anagni. Otto denunce

La Compagnia Carabinieri di Anagni nel corso delle notti del 26 e 27 settembre, ha eseguito un servizio di controllo del territorio con l’impiego dei militari delle Stazioni dipendenti e del Nucleo Operativo e Radiomobile. Nel corso dello stesso sono state denunciate otto (8) persone e quattro (4) segnalate per detenzione di stupefacenti per uso personale non terapeutico, nei territori di Anagni, Acuto, Paliano e Piglio, per i reati di inosservanza del provvedimento di rimpatrio con foglio di via obbligatorio, falsa attestazione a P.U. sulla propria identità, furto di energia elettrica, guida in stato di ebbrezza alcolica, lesioni personali aggravate, danneggiamento e guida senza patente.

In particolare:

A Paliano sono state denunciate due cittadine rumene per inosservanza del provvedimento di rimpatrio con foglio di via obbligatorio, un 58enne di Colleferro (FR) per danneggiamento in danno di un vicino, un 59enne del posto per furto di energia elettrica, avendo allacciato arbitrariamente la propria utenza domestica alla rete pubblica, un 75enne del posto per aver aggredito durante un litigio, scaturito per futili motivi, un 60enne di Piglio procurandogli lesioni.

Ad Anagni, veniva deferito un 45enne del luogo poiché sorpreso alla guida della propria autovettura sotto l’effetto di bevande alcoliche ed un 19enne di Roma, poiché sorpreso alla guida di autovettura senza aver mai conseguito la patente di guida;

Ad Acuto è stato denunciato un 31enne di Salerno perché sorpreso alla guida in recidiva di autoveicolo, sprovvisto della patente di guida in quanto revocata, nonché per aver attestato falsamente ai Carabinieri false generalità.

Si è proceduto, altresì, al controllo di diversi veicoli ed alla identificazione di molte persone, ad elevare contravvenzioni a nr.10 utenti della strada per non aver fatto uso delle cinture di sicurezza, a sottoporre a sequestro un veicolo per mancanza di assicurazione, nonché ad effettuare numerose perquisizioni.

Inoltre nell’ambito dello stesso contesto operativo sono state sottoposte a controllo numerose persone e nei confronti di una di esse, gravata da numerosi pregiudizi di polizia, è stata avanzata proposta per l’applicazione della misura di sicurezza del rimpatrio con foglio di via obbligatorio in quanto non riusciva a giustificare la propria presenza nell’ambito della giurisdizione della Compagnia.

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA