venerdì 23 maggio 2014

Anagni: moglie, marito, figlio e zia, la premiata ditta a luci rosse

Notti brave ad Anagni, poco lontano dal casello autostradale. Durante un’irruzione notturna in una villa, i carabinieri hanno scoperto un gran numero di clienti che si intrattenevano con delle prostitute. In manette sono finiti i componenti di una stessa famiglia: moglie, marito, figlio e zia, che gestivano il traffico di prostituzione nella casa, dotata di tutti i “comfort” per l’accoglienza dei clienti.

Pesanti le accuse: associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento, sfruttamento e agevolazione della prostituzione. Rumene, bulgare, brasiliane e italiane le ragazze che facevano parte del giro, venivano contattate da una società romana che offriva lavoro. La villa è stata posta sotto sequestro, gli inquirenti stanno vagliando la posizione del proprietario.

 

La rabbia di Fabio Forte dopo la cacciata: «Questa non è politica. E neanche civiltà»
17 ore fa

ALESSIO PORCU - L'ex coordinatore provinciale della Lega, esautorato dall'incarico ieri, replica a chi ne ha chiesto la testa. «Sono diciotto. Non si ...

Entrano da una finestra e rubano 25 telefonini in un centro commerciale del capoluogo
2 ore fa

FROSINONE TODAY - Ladri di telefonini al centro commerciale "Le sorgenti" a Frosinone sull'asse attrezzato. La scorsa notte ignoti malviventi forzando una ...

Condannato a sei anni di carcere perché scambiato per il fratello
1 giorno fa

FROSINONE TODAY - Accusato di rapina a mano armata, era stato condannato a sei anni e sei mesi ...