sabato 23 agosto 2014 redazione@anagni24.it

Anagni: medicinali “salvavita” a 27°C invece di 2°, maxi sequestro in A1

Nella serata di ieri, durante un servizio di vigilanza autostradale una pattuglia della Sottosezione Polizia Stradale di Frosinone ha controllato un autoarticolato fermo in una piazzola di sosta lungo l’A1, nei pressi dello svincolo di Anagni, in direzione Napoli, ed i conducenti del mezzo, due siciliani, rispettivamente di 54 e 50 anni.Attraverso la verifica dei documenti di trasporto e l’ispezione del carico, gli agenti hanno accertato che il veicolo trasportava ben 32 pedane e 716 colli di medicinali di vario genere, tra i quali anche farmaci “salvavita”, destinati a strutture ospedaliere della Sicilia.

Sebbene le modalità di trasporto del carico prevedessero che la merce dovesse viaggiare a temperature comprese fra i 2° e gli 8° centigradi, da un primo controllo è invece risultato che le condizioni termiche si attestassero su una media di 27° centigradi, come peraltro formalmente accertato dal personale dell’ASL di Frosinone intervenuto successivamente sul posto. In presenza di una evidente violazione delle prescrizioni per il trasporto di merci a temperatura controllata e valutata la concreta possibilità che l’efficacia terapeutica dei medicinali fosse alterata e/o danneggiata dalle condizioni del viaggio, gli operatori della Sottosezione Polstrada e dell’ASL hanno proceduto al sequestro dei farmaci, evitando pericoli per la salute pubblica nel caso fossero stati messi in commercio o consegnati a strutture sanitarie.

Dopo aver apposto i sigilli al vano di carico, la merce è stata affidata ai conducenti con l’onere di trasportarla nel luogo di destinazione, ove l’ASL territorialmente competente avrebbe proceduto agli ulteriori controlli e verifiche. Ai due siciliani sono state contestate infrazioni alle norme del codice della strada per un valore di 600 euro, connesse alla inesatta compilazione dei documenti di trasporto; per le violazioni relative alla normativa sanitaria è stata invece comminata una sanzione da 3000 a 18.000 euro.

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA